Blog: http://sweet.ilcannocchiale.it

...pensieri in libertà....

..."si sedette da sola sulla spiaggia illuminata dalla luna. Il vento tiepido per una notte d'aprile le scompigliava i capelli.
i ciottoli le segnavano la schiena, ma era troppo stanca per cambiare posizione.
lontano, qualcuno sta vivendo ma lei non parteciperà a quella vita stasera.
quella notte aveva capito due cose.
la prima era che è proprio dove ti rifugi per cercare aiuto che spesso trovi le delusioni peggiori.
purtroppo siamo solo persone.persone che provano cose diverse,pensano e agiscono a proprio modo.
e se a volte ci pieghiamo fino a finire schiacciati per il bene di quelcun altro,non è dette che gli altri saranno disposti a farlo per noi.
viviamo e pensiamo soli,egoisti e senza uno scopo preciso.
la seconda è che possiamo amare qualcuno in ogni modo,ma prima o poi,che sia un "ti amo" o un "ti voglio bene",
ti ferirà. ti farà del male,cancellandoti il sorriso dalle labbra e oscurando il cielo.
e sono proprio questi i segni che si portava dentro.
un continuo non potere....una continua ossessione di poter sbagliare, di poter fare soffrire chi ama....
e un puntuale,costante e immancabile rifiuto da perte di chi avrebbe dovuto ascoltare,
da chi avrebbe potuto asciugare le sue lacrime senza intromettersi.
inutile fingere. questo continuare a spingere,a cercare di aggiustare le cose,questo elemosiane affetto e attenzione..
non sono altro che accanimento terapeutico verso una situazione condannata dall'inizio.
ma pur guardando negli occhi la realtà, non poteva muovere un passo lontano da quella folia autodistruttiva.
masochismo? tentativo di non perdere la felicità passata? perchè c'era stato un tempo in cui loro due si
confidavano tutto...e lei piangeva sulla sua spalla ogni sua lacrima....non avrebbe saputo dire cosa la legasse al passato a quel modo.
sapeva solo che si faceva tardi...le ore volavano...la schiena s'intorpidiva...
ma voleva restare...restare per capire....restare perchè non l'avrebbe cercata in nessun altro posto se non quella spiaggia..
sulla quale un giorno si era perso anche lui......perchè non possiamo scegliere chi amare...
ma possiamo scegliere fino a che punto siamo disposti a stargli vicino."

                                                                                                                                  Chiara

Pubblicato il 8/4/2009 alle 22.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web